A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z #

GIORGIO GABER lyrics : "Giotto Da Bondone"

L’uomo capisce tutto, tranne le cose perfettamente semplici.

In un paesino della Toscana del Dugento, zona purissima agricola e pastorizia,

nacque un bambino di nome Giotto da Bondone. Il fatto che da grandicello se la
facesse con le pecore non turbò molto, perchè era un ragazzo strano...
Il sesso dei grandi pittori rimane sempre per noi un fatto molto misterioso.

Anche se fanno un originale televisivo, appena c’è una situazione
interessante, non so, Giotto che accarezza la pecora con lo sguardo "giusto"...
insomma sul più bello, arriva un attore con cravatta e occhiali che non

c’entra niente, gli strappa la pecora di mano e legge un foglio dagli studi di
via Teulada!
Peccato... volevamo conoscere Giotto, e invece ci tocca inventare...

A me piace immaginarlo intelligentissimo, come noi, sì, sì lo vedo, lo vedo
che disegna sui sassi, con le matite colorate "Giotto", il megalomane! E pensa,
perchè non è vero che non pensa a niente, pensa, pensa per esempio alla

possibilità di fare un cielo diverso da come lo dipingevano prima. Rinnovare
tutto, e come tutti sanno queste cose si possono fare soltanto elaborando con la
logica e il ragionamento.

Per sviluppare la sua intelligenza Giotto si esercita a lungo nel gioco degli
scacchi, legge "l’Espresso"... ora che il formato è piccolo gli torna anche
meglio guardare le pecore... si abbona a "Panorama", si tiene in continuo

contatto con Umberto Eco, segretario della Biennale di Bondone.
Il cielo, si sa, nei quadri di allora è sempre dipinto d’oro, oro zecchino,
implacabile e fisso! A Giotto non sembrava tanto giusto, e qui comincia il suo

tormento.
Studia la duttilità dell’oro per modificarla, per portarla avanti, poi tenta
un cielo... e gli viene tutto d’oro.

Studia la chimica, le stratificazioni... oro un po’ più chiaro, oro un po’
più scuro, ma sempre oro! Capisce che la chimica non può risolvere il suo
problema.

Si occupa di filosofia, e siccome è intelligente diventa materialista: soltanto
un cambiamento strutturale avrebbe potuto far cambiare il cielo.
Ragiona per giorni e giorni, non si può dire che non sia tenace, si sente

abbastanza preparato per affrontarlo, poi ne dipinge uno...enorme!...
...’PAAH’!…Tutto d’oro!
E’ in preda ad una crisi di nervi, soffre terribilmente di insonnia e per

addormentarsi conta le pecore, ma non gli basta, si alza di scatto e parte per
Milano – Giotto era un grande viaggiatore, sì, un viaggiatore di cultura, le
pecore le vedeva solo negli intervalli, come noi. Milano, Bologna, Copenaghen,

partecipa al primo convegno [email protected](^onale di semiotica, poi [email protected]#^isi e
politica, ormai la necessità di fare un cielo diverso è diventato un fatto
collettivo, si mette al lavoro con gli altri, e pensa, pensa, tutti insieme

elaborano il linguaggio nuovo per un cielo... per un cielo tutto d’oro!...
Basta, basta, è furibondo, litiga con tutti, fa un gran casino, manda a fanculo
Giorgio Bocca, Pasolini, Lacan, tutti, esce incazzato sbattendo la porta!...

Si sente più leggero, pensa anche di non andar più dallo psichiatra. E qui ha
un’intuizione strana, che stravolge anche la mia interpretazione di Giotto
intelligente... decide di farsi curare da un veterinario, così, come un

animale.
Poi, gli casca l’occhio sul cielo e fa: "Boh... a me mi sembra azzurro...
Maremma maiala il cielo è azzurro!".

E tutti: "No, no, il cielo è d’oro, è sempre stato d’oro, che sciocchezza,
è d’oro, il cielo!".
Lo dipinge d’azzurro, il bestione ignorante, e tutti: "Eeeehh!...". E anche

Umberto Eco, che è cieco ma intelligente: Vuoi vedere che è azzurro davvero?
Bastava guardare!... Ho capito!... Ho capito che non c’è niente da capire!
Capire che non c’è niente da capire!... Ma non è ancora capire.

Submit Corrections

Thanks to alexandra_feaa