Warning: session_start(): open(/var/lib/php/sessions/sess_0uh05ibq2fk5gcco3eni2smr4j, O_RDWR) failed: No space left on device (28) in /var/www/html/lyricsreg.com/reg.php on line 2

Warning: session_start(): Failed to read session data: files (path: /var/lib/php/sessions) in /var/www/html/lyricsreg.com/reg.php on line 2
ù SNAKE : orse sungu ji ca mi fazz troppi problemi lyrics

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z #

ù SNAKE lyrics : "orse sungu ji ca mi fazz troppi problemi"


malsana convinzione convincermi che tutto il mio contorno non è finzione convincere il cervello che a volte ha ragione il cuore e che delle cazzate è il legittimo precursore che il male che alberga dentro è reale che il vero pazzo non crede di esserlo che quando hai tutto dentro allora rigettalo e quando hai un progetto non dirlo progettalo sono io con le mani in tasca affronto questo oblio con una risata come una nave ferma dentro una risacca guardando una villa che per molti è una baracca un altra tacca nel calendario dei giorni vuoti pieni di rimpianti e sussulti e azioni inconsulti sguardi $$#enti in questi paesaggi lugubri sguardi spenti poco umani sono ibridi di una nuova falsa generazione dove le bocche sono tante e una l' opinione dove è talmente e ampia la mente che non ci si rende conto che è chiusa che anche se la stanza è larga c'è la porta chiusa illusione di gente disillusa che segue indipendentemente il modello u.s.a e ti usa non si scusa non guarda oltre il naso perchè se per caso guardasse si accorgerebbe che è uguale agli altri un continuo rincorrere se stessi recuperarsi abbandonarsi e ritrovarsi incollati si ritrovano solo per risentirsi rinati poco appagati poco i risultati rit(coro) forse sungu ji ca mi fazz troppi problemi... le paure fanno fare strane congetture sfocate figure di un passato presente mi $$#ento esco fuori di me ragiono a stento è più facile uscire fuori che guardarsi dentro e forse da me troppo pretendo combatto ogni tormento cercando di espletare un qualsiasi turbamento ad ogni momento divento più stanco e più cattivo ma non mi arrendo ma che pretendo? per come sono fatto non mi merito di meglio una parola ferma tra i denti un sibilo che grida e si produce in mille lamenti sguardi indifferenti cinici e rancorosi si trasformano in psicosi odio che pervade invade è il sentimento più puro che rimane perché è troppo sporco nella sua limpidità e un ti odio si dice per verità e non si dice con facilità e ti porta a fare le cose più brutte l' odio ha sulle spalle le città distrutte odio è la cosa più bella delle cose brutte e tutti ce l' hanno tutti lo celano lo nascondo perchè conviene a volte mascherarlo da bene si fanno trame su di esso è il movente per eccellenza una gabbia! è il nesso di ogni voce strozzata per rabbia ce ne tanto... e come calcolare ogni granello di sabbia la persona per odio cambia perché ti fa da scudo e per questo l' odio è il sentimento più puro più onesto... ù SNaKe

Submit Corrections