051/222525 lyrics

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z #

Fabio Concato lyrics : "051/222525"

E tutti fermi in fila ad aspettare
che scatti quel semaforo
avessi almeno la mia radiolina

che sentirla e' uno spettacolo
e guarda che ti ho visto
con le mani dentro il naso: sei romantico

e poi la stessa mano
te la passi tra i capelli: sei fantastico.
Ma quanti manifesti colorati

cosi' grandi non li ho visti mai
che gambe deliziose... Son le calze un po' velate,
tu non le compri mai

biscotti per l'infanzia, poveretta,
carte igieniche lunghissime
sentissi come e' morbida

e ogni volta viene voglia di "cosare".
E all' improvviso arrivi tu,
un manifesto in mezzo agli altri

su quel faccino quanti pugni, quante botte
ma lo sai che ti potevano ammazzare?
Su babbo smettila di bere

non mi picchiare un'altra volta
che ogni volta ho piu' paura
e quando cerco dl scappare

non arrivo mai alla porta
mi raggiungi e sei una furia
non centro niente coi tuoi guai,

non c'entro con i dispiaceri,
non ti ricordi, ieri, che mi portavi al mare?.
E siamo ancora fermi ad aspettare

che scatti quel semaforo
avessi almeno la mia radiolina
che a sentirla e' uno spettacolo

e guardo il mio vicino e li tranquillo
tramortito dal suo stereo
e arrivano frequenze cosi' basse

che divento tachicardico.
Ma quanti manifesti colorati
cosi grandi non li ho visti mai

c'e' un brandy un po' speciale per un fico eccezionale,
non me lo compri mai...
E detersivi cosi' intelligenti

che gli manca solo di parlare
e macchine potenti e prestigiose che se non puoi...
Le puoi rubare.

E all'improvviso torni tu,
un manifesto in mezzo agli altri,
e hai un faccino cosi' triste

che a guardarti dentro agli occhi
ci si potrebbe vergognare.
"ma babbo non ho fatto niente.

Non mi picchiare un 'altra volta
che ogni volta ho piu' paura,
e ho paura ormai di tutto,

di pensare e di parlare,
ho anche paura di dormire,
ma, giuro, quando saro' grande mi voglio vendicare:

non mi ricordero' mai piu' che ml portavi al mare".
E finalmente ci muoviamo tutti,
con te che mi vuoi stringere...

Io sto pensando ancora a quel faccino,
passa, se vuoi passare...
Ma quanti sono quei faccini

e quanto sono disperati
li senti piangere ogni notte
e non c'e' mai nessuno che li aiuti

e tutti a dire: "che vergogna!"
Ma tutti a chiudere la porta
"in fondo a noi cos'e' che importa,

il nostro bimbo e' qui che sogna"
ma per dio di la' c'e' un altro bimbo uguale
che ha bisogno di sognare

magari un padre un po' diverso
che lo porti un'altra volta al mare

Submit Corrections

Thanks to guest

Powered by MusixMatch